DevAdmin Blog

Blog di Ermanno Goletto (Microsoft MVP Directory Services - MCSE - MCSA - MCITP - MCTS)
posts - 1026, comments - 598, trackbacks - 8

My Links

News

Il blog si è trasferito al seguente link:

www.devadmin.it

Avatar

Visualizza il profilo di Ermanno Goletto su LinkedIn

Follow ermannog on Twitter


Il contenuto di questo blog e di ciascun post viene fornito “così come é”, senza garanzie, e non conferisce alcun diritto. Questo blog riporta il mio personale pensiero che non riflette necessariamente il pensiero del mio datore di lavoro.

Logo Creative Commons Deed


Logo SysAdmin.it SysAdmin.it Staff


Logo TechNet Forum TechNet Italia @ForumTechNetIt Follow TechNet Forum on Twitter


Logo MVP

Article Categories

Archives

Post Categories

Blogs

Friends

Knowledge Base

MVP Sites

Resources

Windows 8 Consumer Preview Hyper-V

Nel post Windows Server 8 e Hyper-V 3.0 avevo raccolto alcune info relative alla versione 3.0 di Hyper-V presente in Windows 8 Developer Preview, da questa versione alcune cose sono cambiate soprattutto per quanto riguarda la scalabilità dell’Hypervisor. Inoltre ora è disponibile documentazione maggiore e quindi è possibile cominciare ad avere un panoramica più precisa evitando di far confusione tra quella che sarà la versione di Hyper-V per il sistema operativo server e quella che sarà la versione per il sistema operativo client.

Infatti una delle novità è che Hyper-V sarà presente anche sulle versioni client di Windows 8 con la denominazione di Client Hyper-V con requisisti di sistema diversi.

Requisiti di sistema per  Hyper-V Requisiti di sistema per Client Hyper-V
CPU a 64 Bit CPU a 64 Bit
CPU con supporto all’Hardware-assisted virtualization
ovvero CPU Intel con supporto a Intel Virtualization Technology (Intel VT)
oppure CPU AMD con supporto a  AMD Virtualization (AMD-V)
CPU con Hardware-assisted virtualization
ovvero CPU Intel con supporto a Intel Virtualization Technology (Intel VT)
oppure CPU AMD con supporto a AMD Virtualization (AMD-V)
CPU con supporto e all’Hardware-enforced Data Execution Prevention (DEP)
ovvero CPU Intel con supporto a Intel XD bit (execute disable bit)
oppure CPU AMD con supporto a AMD NX bit (no execute bit)
CPU con supporto e all’Hardware-enforced Data Execution Prevention (DEP)
ovvero CPU Intel con supporto a Intel XD bit (execute disable bit)
oppure CPU AMD con supporto a AMD NX bit (no execute bit)
Il supporto a RemoteFX richiede
CPU con Second Level Address Translation (SLAT)
CPU con Second Level Address Translation (SLAT)
  4 GB RAM

Per verificare se il sistema i requisiti per supportare la virtualizzazione è possibile utilizzare la seguente query WMI:

wmic.exe path Win32_processor get VirtualizationFirmwareEnabled

mentre per verificare se la SLAT è supportata è possibile utilizzare la seguente:

wmic.exe path Win32_processor get SecondLevelAddressTranslationExtensions

In alternativa è possibile utilizzare MSINFO32.EXE oppure Coreinfo.

image image

Overview di Hyper-V

Come ho accennato col rilascio della Consumer Preview sono stati rivisti alcuni limiti in un’ottica di maggior scalabilità:

 

Hyper-V in 2008 R2 SP1

Hyper-v in Windows 8
Developer Preview
Hyper-v in Windows 8
Consumer Preview

Max VMs

384

>384 (il valore non è ancora stato specificato) 1024

(64 nodi per cluster e 
4000 VMs per cluster)

Host Memory Support

1 TB

2 TB 2 TB

Guest VM Memory

64 GB 512 GB 1 TB

Host Processor Support

64 Cores 160 Cores 160 Cores

Guest Virtual Processor

4 32 32

Virtual hard disk capacity

2040 GB 16 TB
(col nuovo formato VHDX)
64 TB
(col nuovo formato VHDX)

Per maggiori informazioni si vedano:

Hyper-V introduce come ho detto una serie di novità interessanti e migliorie alle funzionalità esistenti tra cui:

  • Dynamic Memory: sarà possibile configurare la memoria minima di una VM, inoltre vengono introdotto lo Smart Paging che permetterà alla VM di riavviarsi anche se non vi è sufficiente memoria disponibile . Lo Smart Paging utilizza lo spazio su disco come memoria temporanea e viene utilizzata solo solo nei seguenti casi per ridurre gli impatti sulle performance:
    • La VM è stata riavviata
    • La memoria fisica è insufficiente
    • No è possibile reclamare memoria dalle VM in esecuzione
  • Hyper-V Replica: permette la replica di VM tra storage systems, clusters e data centers in due siti per fornire business continuity e disaster recovery
  • Importazione di VM: il processo di importazione è stato modificato per rivelare eventuali problemi di configurazione e semplificare l’importazione che può avvenire anche nel caso di copia manuale dei file senza aver preventivamente esportato la VM
  • Live Migration: il processo ora è consentito anche in ambienti non clusterizzati, quindi senza configurare failover clustering e Cluster Shared Volumes ma utilizzando storage locale o share SMB. Inoltre Live Migration ora può utlizzare larghezze di banda fino a 10 GB velozzando il processo ed eseguire più Live Migration contemporaneamente.
  • Resource metering: monitoraggio e raccolta dei dati relativi a all’utilizzo CPU, memoria, storage e rete da parte di specifiche VMs
  • SR-IOV: assegnazione di una scheda di rete che supporti single-root I/O virtualization direttaemnte ad una VM senza utilizzare un virtual switch
  • Storage Migration: ovvero la possibilità di sposare la VM su storage differente senza sia necessario arrestare la stessa
  • Storage on SMB2 file shares: utilizzo di share SMB2 come storage per le VM senza quindi la necessita di usare una SAN (area network)
  • Virtual Fibre Channel: connessione diretta a Fibre Channel storage da paret di un OS guest eseguito in una VM consentendo quindi la configurazione del cluster all’interno dell’OS guest (guest clustering)
  • Support for Large Sector Disks: supporto per HD con 4096 bytes per settore (anche noti come 4K o 4 KB sectors) . Avevo discusso la problematica nel seguente Windows 2008 R2: Errore 517 durante il backup.

Per ulteriori informazioni su queste funzionalità e in generale su tutte quelle disponibili di vedano:

Overview di Client Hyper-V

Client Hyper-V sostituirà quindi Windows Virtual PC e l’XP Mode di Windows 7 col vantaggio di offrire lo stesso Hypervisor disponibile sul sistema operativo di fascia server, questo di fatto in molti casi eviterà a professionisti e sviluppatori di dover installare sui loro notebook il sistema operativo server. Questo significa che sarà possibile utilizzare sul computer  Hyper-V virtualization,  wireless network adapters  e  sleep states (ovvero quando si metterà in stand by o si ibernerà il notebook la VM saranno poste in saved state e riattivate alla riaccensione del computer).

Ovviamente Client Hyper-V essendo basato sulla stessa architettura di Hyeper-V potrà essere gestito con i medesimi cmdlet Powershell, inoltre Client Hyper-V supporta la funzionalità Storage Migration o Live Storage Move consentendo l’uso delle VM indipendentemente dallo storage utilizzato in altre parole sarà possibile spostare la la VM  tra drive locali, drive USB o share remote senza arrestarla.

Sarà possibili abilitare Client Hyper-V aggiugendo la feature Hyper-V o tramite il seguente comando PowerShell, per completare l’installazione sarà necessario riavviare il computer:

Enable-WindowsOptionalFeature –FeatureName Microsoft-Hyper-V –Restart

Al termine dell’installazione oltre al ruolo Hyper-V sarò disponibile anche Hyper-V Manager per la gestione del ruolo e delle VM sia locali che remote e Virtual Machine Connection per la connessione a VM locali e remote.

Il requisito relativo alla SLAT in buona sostanza garantisce il supporto a RemoteFx che tra le sue features annovera anche l’USB redirection, questo significa che sarà possibile in questo modo utilizzare all’interno della VM i dispositivi fisici USB mediante una connessione RDP, inoltre sempre tramite RDP sarà possibile anche avere:

  • Multi-point touch verso una VM W8 se ci si sta collegando da un touch enabled device
  • Redirezione Bidirezionale dell’audio
  • Host folder sharing
  • Host printer sharing
  • Smartcard authentication

Per ulteriori informazioni si vedano:

E possibile scaricare le ISO e i file VHD della versione Beta a 64 Bit in 5 lingue (Inglese, Cinese semplificato, Francese, Tedesco e Giapponese) di Windows Server 8 al segunete Download Windows Server "8" Beta.

Print | posted on Sunday, March 11, 2012 10:52 PM | Filed Under [ Links IT Virtualization ]

Powered by:
Powered By Subtext Powered By ASP.NET